Le “mie” mele stregate

Amici eccomi di nuovo qui !

Come ogni promessa mantenuta, un nuovo post ed una nuova avventura coolinaria .

Il weekend appena passato è stato delirante da un certo punto di vista.

Era qualche settimana difatti che mi ero messa in testa che per questo Halloween, ormai alle porte, avrei provato, per la prima volta in my life, a fare le famose “mele caramellate”.

Per una golosa come me, amante di tutto ciò che è dolce e zuccherino.. le mele caramellate cadono a fagiulo .

Ammetto di averle sempre e solo viste nei film , le più famose per me sono quelle di Mary Poppins nella scena in cui si fionda nel magico mondo delle giostre insieme ai mitici e simpaticissimi pinguini.

Belle, rotonde e rosso fuoco, così lucide e invitanti.

Adoro le mele in tutte le sue varietà.

Golden, gala, fuji, pink, granny smith, le johnatan, le renette.. non importa quale mela possa trovarmi davanti.. la frutta non manca mai nella mia cucina e, anche se ci sono pareri discordanti tra il “mangiarle lontano dai pasti o no” , sono mela-dipendente a fine di quasi tutti i miei pasti.

(E’ il mio snack preferito da sgranocchiare davanti alla tv. )

Tagliata a fette con un po’ di cannella, una spruzzata di limone, un pochino ino ino di zucchero  … mmh..la bontà !!

Forse è anche per questo che il dolce che mi viene meglio in assoluto è proprio la torta di mele .

Anche la tarte tatin ha il suo grande perché.

Ora che ci penso.. che voglia di tarte tatin , devo presto farla..

Se chiudo gli occhi, ho ancora il sapore delle superlative mele gala che avevo avuto la fortuna di mangiare anni fa quando ero stata a Merano.

O.M.G.

Forse è stato proprio quella la vacanza “galeotta” ed è stato proprio li ( parliamo di 10 anni fa…) che mi sono innamorata definitivamente delle mele.

Devo tornare a Merano.. x fare scorta di mele.

Comunque.. tornando a noi.. le mele caramellate.. semplicissime da fare.. si… diciamo.. più o meno.. nel senso … alla fine si tratta di mele infilzate in un bastoncino ( io ho usato delle bacchette per sushi spezzate in due – ne ho un’infinità da quanto sushi mangio ! ) ripassate nel caramello e stop.

Che ci vuole ? Nulla all’apparenza.

Se non fosse che.. ehm ehm.. avete mai provato a fare il caramello in casa ?

Ecco. Io no. Non l’avevo mai fatto in casa.

Era la mia prima volta . 🙂

Però mi son detta ” Che ci vuole ? “

Ho cercato la ricetta su uno dei miei tanti libri di cucina e così :

500 gr zucchero

100 ml acqua

50 ml miele

colorante rosso

E fin qui. Niente da dire.

La ricetta però, sottolineava di  misurare la temperatura dello zucchero sciolto nel pentolino con l’acqua ed il miele e di controllare che non superasse i 100 gradi.

Ovviamente di utilizzare il termometro da cucina.

Ovvio. -.-

Io però, ahiaiaiai , il termometro da cucina non ce l’ho.

Mi manca.

Ma non ho pensato fosse particolarmente importante misurare la temperatura.

Alla fine sarei stata  li durante la cottura.. avrei fatto attenzione a non bruciare il caramello.

Che ci vuole ? Massì.. CE LA POSSO FARE !!

E così ho fatto.. pentolino con fondo alto, zucchero e acqua, fuoco basso.. quando lo zucchero è completamente sciolto, metto il miele, e continuo la cottura finchè non diventa caramello.

Aggiungo infine il colorante e via con la decorazione alle  mele.

Una griglia con sotto della carta forno dove appoggiarle mentre si induriscono .

Si.. come dico spesso.. l’importante è essere convinti di riuscire nelle cose.. ed io.. ahimè.. ero convinta di riuscire a fare il caramello.

Ripeto : ero convinta.

Perché amici miei, non chiedetemi perché, per come o per cosa.

Ma…non sono riuscita a fare il caramello.

Ebbene si.

Ho “toppato” .

Mannaggia a me.

Per fortuna non l ‘ho bruciato. Li sarebbe davvero stata una tragedia !!

Il “mio” caramello è risultato un composto liscio.. colorato.. anche profumato.. ma non appena messo sulle mele, è diventato OPACO !

Il mio sogno di vedere le mie belle mele rosse e lucide come quelle dei film.. è sfumato non appena lo “pseudo-caramello” si è solidificato.

Quindi ragazzi, è ufficiale.

La Cipollina non sa fare il caramello.

Ecco. L’ho detto.

Ma davvero il termometro è così importante ??

A questo punto, siccome non capisco, è l’unico motivo valido per cui non sia riuscito.

Io però ormai mi ero fissata con ‘ste cavolo di  mele caramellate .

Che diamine.

Quindi.. sapete che ho fatto ? 😀

Mi sono infilata la giacca, le scarpe, preso la macchina e via.. al supermercato.. a comprare un bel barattolino di caramello GIA PRONTO.

Si lo so, le cose è meglio farle in casa ma a mali estremi, estremi rimedi.

Per una volta.. se’ po’ fa’, se’ po’ fa’.

Una goccina di colorante rosso ce l’ho messa ugualmente.

Per la notte delle streghe ci vuole !

Questo il risultato finale, che ve ne pare ?!?!

melestregatehalloweenmelestregate

Non viene voglia anche a voi di mangiarne una ???

Vado.. la mia mela mi chiama.. ah.. se avete consigli, per la prossima volta, su come fare il caramello, fatemi sapere !! Che prima o poi.. ci riproverò !!

Baci cipollini !!!

 

Annunci

One thought on “Le “mie” mele stregate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...